Altri sonetti
da Roma in valigia

ER  CECCAPPE

 

Er dottore m’ha detto che sto bene,

che pozzo sta’ tranquillo: nun ciò gnente,

unicamente, dice, me conviene

d’esse, dice, un tantino più prudente

 

ner zenzo d’evità corenti d’aria,

de pija’ cinque tipi de pasticche,

de fa’ ‘na dieta povera ma varia

a base de cicoria, che è anche scicche,

 

co’ in più, ‘na vorta ar mese, un par d’alisce,

evitanno così che er peso cresce.

M’assicura così che se guarisce.

 

Senza magna’ e scopa’, si m’ariesce,

e senza fuma’ e beve, garantisce

che pozzo mori’ sano com’un pesce.

 

 

LA  RAGNATELA

 

Vedi la ragnatela sur zoffitto?

Guardela bene bene. C’è un inzetto

che c’è piombato drento a capofitto,

e nun pò libberasse, poveretto.

 

Ecchelo là, incastrato a parte sotto,

che s’aggita infuriato e se dibbatte

sempre più piano... Guarda, è mezzo cotto,

come succede a certe teste matte.

 

Te vie’ da ride? Pozzo anche capillo,

è buffo da vedesse, quer moscone,

che s’arrabbatta senza fa’ ‘no strillo.

 

Resta là co’ le brutte o co’ le bone,

appiccicato a quella. Prova a dillo:

lo sai chi è quer povero cojone?

 

STA  VECCHIETTA  NOSTRA
 
Roma quant’anni cià? Tu prova a dillo.
Una barca, ‘na cofana, un zubbisso
da fa’ paura. Eppure, com’un grillo
ecchela là che zompa. Cià un abbisso

 

Made with Namu6