Rivedere Petra
Trapani, 1968

racconti

 

Cari Joseph, Dani e Bernard, cari, cari fratelli miei, questa che vi scrivo sarà una lunghissima lettera, per le tante cose che sento la necessità di farvi sapere, a proposito di me stesso, ma soprattutto della vostra amatissima  Dina, e del nostro soggiorno qui, nella terra dei nostri padri, nella santa città di Gerusalemme, a pochi passi da quel monte Sion, che vide levarsi diritto fin su nel cielo il canto di quel nostro antico e sublime poeta, il santo re David.

 

Non meravigliatevi, vi prego, per il tono di questa mia, riflettendo che, certo, anche a me viene un po' da sorridere, confrontando queste parole con quelle che io stesso e Dina eravamo portati a dire quando sedevamo tutti insieme nel nostro solito ed amato locale, alla metà esatta di boulevard St. Germain. Pure, voi lo ricorderete, tutto è incominciato da quelle nostre riunioni, che si protraevano sempre fin a tardissima sera: da quei discorsi quasi privi di senso, eternamente sospesi fra il dire e il non dire, da quei propositi, così grandi, che ci avrebbero quasi messo paura, se non fosse stato piuttosto il caso di riderne; e che noi gettavamo sul tavolo della discussione come se fossero scherzi semplicemente, oppure strani modi di dire, un espediente per saggiare, senza mostrarlo, le altrui reazioni,  le reazioni soprattutto di Dina. Ed era veramente meravigliosa, la vostra amata sorella, così fiera dei suoi diciott'anni, della sua minigonna color corallo, della sua giacchetta bianca di morbidissima lana, mentre s'alzava su quelle sue gambe lunghe, lunghissime, ed avventava contro noi tutti il sarcasmo della sua squillante risata. Care, care sere di St. Germain, quando tutto ci appariva un gioco, a chi le pronunciava più grosse, a chi metteva più impegno nel suscitare lo sbalordimento degli altri.

 

Fu allora, lo ricorderete, in una dolce sera dello scorso mese di maggio, che io proclamai davanti a voi tutti:

 

- Ho deciso: partirò per Gerusalemme.

 

Fu allora, lo ricorderete, in una dolce sera dello scorso mese di maggio, che io proclamai davanti a voi tutti: - Ho deciso: partirò per Gerusalemme.
 

Made with Namu6