Roma in valigia
Mille e anche più sonetti in urbe et in orbe
(illustrazioni di Irio O. Fantini)
Roma, 2001
 

A RAFFAELE LA CAPRIA, AMICO DI SEMPRE,

ESTIMATORE TROPPO GENEROSO DI QUESTI SONETTI.

 

Duddù, sai che te dico? E’ propio vero,

abbitamo ‘na lingua, e no un paese;

er penziero è parola: è lì er mistero

de ciascuno de noi, italiano o ingrese.

 

Infinite le strade de ‘sto monno,

e tante le magnere de inzegnalle;

ma a falle tutte tutte, quant’è tonno,

tra gente bianche e nere, rosse e gialle,

 

quann’è ar dunque, che uno cià da esprime

quer che prova pe’ dentro, a mano a mano

che vede e sente, siano prose o rime,

 

je venghino de getto o piano piano,

l’urtime sue parole so’ le prime.

Io così piango e moro da romano.

 

L’ AMORE  VECCHIARELLO

 

T’aricordi de quanno annamio assieme

passeggianno pe’ ore lungh’er fiume?

E t’aricordi le parole sceme

scambiate a mezza voce sott’a un lume?

 

E quanno cercavamo i punti scuri

pe’ pote’ fasse avanti co’ le mani,

seduti sopra a sassi ummidi e duri?

Giorni felici, Ni’...; giorni lontani...

 

Anche mò stamo assieme, tante ore,

però a finestre chiuse, sinnò doppo

nun zia mai ce beccamo un rafreddore.

 

Camminamo un pochetto, ma non troppo,

pe’ via che ciò a la gamba ‘sto dolore.

Poi sverti a casa, a prenne lo sciroppo.

 

ER  TEVERE
 
Ero bionno. Mò invece so’ marone,
e quello che ciò sotto, va a sapello...
Hai voja tu a guarda’ dar murajone:
so’ ‘n’antra cosa, ormai: nun zo’ più quello!

 

 

Made with Namu6